3.11.14

FOTOGRAFO MI AIUTI?! | La luce, questa sconosciuta

Quando si inizia a fotografare, la prima cosa che si dovrebbe conoscere è la LUCE, un elemento fondamentale per la buona riuscita delle foto.
Tre sono le caratteristiche del quale tener conto perché i nostri scatti siano eseguiti al meglio:
Colore
La percezione che si ha della luce del sole è che sia bianca, ovvero l'insieme di tutti i colori.
Una luce può essere definita calda o fredda a seconda della propria tonalità: calda (come quella del sole e di alcune lampade) tende al giallo/rosso, mentre una luce fredda (come le lampade allo xeno) tende al bianco/azzurro. 
Dovete sapere che mentre il nostro occhio e cervello si adeguano molto facilmente, con la reflex ci dovremmo pensare noi, intervenendo sul bilanciamento del bianco.
Io a questo proposito scatto con il bilanciamento automatico (AWB = auto white Balance) e intervengo, se è il caso, in post produzione.
(ESEMPIO NEGATIVO: Mi è capitato di vedere foto di esterni blu, perché chi aveva fatto le foto all'interno di un edificio dove c'erano luci al neon aveva toccato il bilanciamento del bianco, dimenticandosi poi di risistemarlo).
Dimensione
Gli effetti che una fonte di luce può dare ai soggetti fotografati cambiano a seconda della dimensione della stessa e dalla vicinanza al soggetto.
Più grande è la fonte luminosa, più le ombre saranno sfumate.
Più piccola è la fonte luminosa, più le ombre saranno marcate, scure.
Direzione
Nel momento in cui si vuole fotografare, dovremmo essere in grado di definire da dove arrivi la luce rispetto al soggetto.
Frontale: quando la fonte luminosa si trova davanti al soggetto (praticamente da dove stiamo fotografando noi). Penso sia la posizione peggiore perché non dà profondità alla foto e il risultato è un soggetto piatto, perché privo o quasi di ombre.
Posteriore: quando la fonte si trova dietro il soggetto (quindi come se fossimo su una linea retta, noi ad un'estremità, al centro il soggetto e all'estremità opposta la luce).
Laterale: quando la fonte luminosa si trova a qualsiasi angolazione rispetto il soggetto (escluse le posizioni precedenti).
N.B. Quando il punto luce si trova ad un'angolazione di 90° rispetto a fotografo e soggetto, le ombre diventano molto lunghe ed è un modo per conferire drammaticità alla foto.
Secondo me è la migliore, la luce da un effetto di tridimensionalità, si creano più ombre sul soggetto.

LUCE NATURALE O LUCE ARTIFICIALE?
Scattare con luce naturale o con luce artificiale ha in entrambi i casi i suoi pro e i suoi contro.
Eccovi uno schemino per farvi un'idea.


_________________________________________________________________________________

Riflettori,  flash e lampade (foto recuperate su internet)
Io per il momento fotografo utilizzando la luce naturale, o comunque cerco di arrangiarmi con la luce presente sul luogo degli scatti, senza l'uso di luci artificiali aggiuntive (anche perché non dispongo né di riflettori, né di flash "seri"). 
Un modo per imparare e capire come usare ISO, apertura diaframma e tempo di scatto.
Inutile dirvi che all'inizio non riuscivo e risultati non mi soddisfacevano, ma piano piano e con taaaanta pazienza posso assicurare che i risultati sono arrivati e arrivano tutt'ora, perché non fotografo ancora con molta sicurezza anzi, faccio ancora diverse prove prima di riuscire a realizzare lo scatto giusto.

UN CONSIGLIO: Se non sapete come impostare i parametri giusti, per iniziare provate a scattare una foto in modalità AUTO e guardate i parametri della foto scattata. Poi provate in modalità MANUALE ad impostate gli stessi parametri. Ci riuscite?


Per oggi ho finito, mi sono dilungata un po', ma spero di esservi stata utile in qualche modo.
A presto! ^_^

Nessun commento:

Posta un commento